sabato 8 agosto 2009

Fenomenologia sociale della gnocca

Contesto: il reparto alimentari del supermercato. Personaggi: la solita folla del sabato pomeriggio. Elemento di disturbo: la gnocca. Oggettivamente è gnocca: ha un fisico mozzafiato. E oggettivamente lo sa e lo mette in mostra: pantaloncini corti che evidenziano le gambe lisce e affusolate, camicetta aderente e scollata che nel contempo scopre l'ombelico. Insomma, poca stoffa e tanta carne all'aria.

Non m'interessa la gnocca. M'interessano gli effetti della gnocca. Che percorre spavalda e a lunghe ed eleganti falcate i corridoi fra gli scaffali. Bizzarra è la reazione umana al transito della gnocca. La reazione maschile, per la precisione. C'è quello che la squadra allupato e diretto, senza pudori. C'è quell'altro che fa lo stesso ma almeno aspetta che la gnocca sia transitata e gli rivolga spalle. C'è poi uno che è in compagnia della moglie impegnata ad asportare scatolame e bottiglie dagli scaffali. Costui manifesta la più totale indifferenza al passaggio della gnocca: non muove un muscolo, non sposta di un grado la direzione di visuale. Ma quando la consorte volta la testa... zac! Parte lo sguardo bieco e bavoso. Appena la moglie si raddrizza, il tizio ricompone tutta la propria indifferenza.

Che c'è di strano? Niente e tutto. Niente perché la gnocca è gnocca, gli ormoni sono ormoni e i richiami sessuali espliciti riscuotono sempre successo. Istinto naturale verso l'accoppiamento, si chiama. La stranezza sta nell'effetto diverso della stessa manifestazione in differenti contesti sociali. La stessa gnocca, con un bikini addosso, su una spiaggia riscuoterebbe poco più di uno sguardo annoiato.

La gnocca è sempre quella. La superficie di carne scoperta è la stessa. Anzi, in spiaggia ce n'è anche di più. Ma al supermercato l'allupamento maschile è assai superiore. Perché?

Shevek

(mirrorato su Tumblr)


2 commenti:

em ha detto...

"La gnocca è sempre quella. La superficie di carne scoperta è la stessa. Anzi, in spiaggia ce n'è anche di più. Ma al supermercato l'allupamento maschile è assai superiore. Perché?"

Quello che atira l'attenzione e' la differenza rispetto alla media. Mica per altro i cani sulla spiaggia abbaiano a chi e' vestito. Poi c'e' anche da dire che vestirsi in modo piu' sexy della media e' percepito come un segnale di disponibilita' al sesso (e infatti vari studi hanno mostrato che le donne tendono a vestire piu' sexy nelle fasi di massima fertilita', che corrispondono a piu' alti livelli di estrogeni nel flusso sanguigno). Da qui reazioni di interesse da parte dei maschi ("io a quella me la 'ngropponerebbe pe' diretissima"), e di ostilita' da parte delle altre femmine ("zoccola!") :-)

Matteo ha detto...

Concordo in parte con em, ma farei risalire la ragione a una causa ancora più ancestrale: è tutta una questione di costumi sociali. Per dimostrare questa affermazione non basta molto: immaginiamo per un attimo che vestirsi come la suddetta gnocca sia la regola. Di colpo i segnali di disponibilità sarebbero molto più inventrati su altri sensi che non la vista: gli odori, per esempio. D'altra parte è risaputo che il nudo femminile da assuefazione.
Pensiamo inoltre ai nostri nonni: per loro mostrare le ginocchia era già sintomo di disponibilità. Oggi vuol semplicemente dire (ho caldo).